Nel cuore di Muggia una ricchissima collezione su Beethoven

Grazie alla famiglia Carrino, Muggia ospita una meravigliosa collezione relativa al grande Maestro Tedesco che durante la sua lunga permanenza a Vienna manifestò la volontà di venire a visitare il nostro litorale per gustare sul posto quelle ostriche che arrivavano a Vienna e che provenivano proprio dal Vallone di Muggia (Quaderno di Conversazione IV, 1819, pag. 16°). Oggi la collezione è visitabile e noi vogliamo raccontarvela.

Il maestro Ludwig van Beethoven

Il Maestro Ludwig van Beethoven è una figura fondamentale della musica colta occidentale nella sua veste di compositore, pianista e direttore d’orchestra. Nato nel 1770 a Bonn in Germania ma vissuto lungamente a Vienna, fu l’ultimo rappresentante di rilievo del classicismo viennese ed è considerato uno dei più grandi e influenti compositori di tutti i tempi. Annoverato tra i massimi geni della storia della musica, nonostante la sordità che lo colpì prima ancora di aver compiuto i trent’anni, egli continuò a comporre, dirigere e suonare. Beethoven ha lasciato una produzione musicale fondamentale, straordinaria per forza espressiva e per la sua capacità di evocare emozioni.

Collezione di libri

La collezione Carrino e la Biblioteca Beethoveniana

La Biblioteca Beethoveniana è situata all’interno della casa privata della famiglia Carrino che, con gli anni e grazie alla sua dedizione, ha raccolto oltre 11500 pezzi che rappresentano testimonianze storiche ed artistiche riguardanti il Maestro. Ora vogliono mostrarla a tutti coloro che desiderano vivere un’esperienza unica all’insegna di cultura e di musica. La collezione si divide in dodici sezioni tra cui sculture, dipinti, grafiche d’arte, edizioni antiche e moderne, documenti storici, oggetti d’arte, ex libris, medaglie, oggettistica varia ma anche francobolli, cartoline, figurine e ancora altri temi più comuni curiosi e divertenti. 

Da dove nasce la passione per Beethoven

I coniugi Carrino ci raccontano che la passione per Beethoven nasce molto tempo fa e li accomuna da sempre, una passione facilmente intuibile durante la visita guidata alla loro collezione a cui da quest’anno è possibile partecipare durante i Sabati Muggesani. Durante la visita infatti le spiegazioni e i segreti svelati ci fanno entrare in un mondo magico legato a musica, storia e arte, il tutto raccontato in modo entusiastico dai nostri ospiti che ci spiegano i pezzi più rari o i particolari della loro collezione intrigandoci con aneddoti e curiosità.

Non può mancare nella visita anche l’assaggio del caffè Beethoveniano, che oltre a essere servito in un servizio da collezione, ci propone il caffè proprio come lo beveva il maestro che ne era un grande appassionato. Venite a scoprire come veniva preparato prenotando QUI la vostra esperienza.

Guarda il video del TGR