Maschere e balli tra le strade di Muggia

Il Carnevale Muggesano è forse una delle attività più conosciute della città e la sua organizzazione coinvolge gran parte dei cittadini che dicono di averlo nel sangue. Il comune infatti è organizzato in otto Compagnie di volontari che lavorano durante tutto l’anno per organizzare la sfilata dei carri allegorici che si svolge ogni anno durante la domenica di carnevale.

Il Carnevale muggesano ha origini antichissime tanto che già nel 1420 si può trovare la prima citazione ufficiale negli Statuti comunali. Già allora esistevano le Compagnie che ingaggiavano i musicanti per rallegrare i festeggiamenti e a cui veniva riconosciuto un rimborso per questa attività da parte del comune. L’importanza del carnevale in città risale quasi certamente all’appartenenza della città all’area di influenza di Venezia, il centro italiano dove il carnevale è ancora maggiormente sentito, oltre a Viareggio.

El Carneval de Muja , così chiamato nel dialetto muggesano, era caratterizzato da alcune usanze tra cui la Caccia al Toro, d’origine veneta e il Ballo della Verdura, che si svolgeva il martedì grasso in quella che oggi è Piazza Marconi. Oggigiorno questi festeggiamenti vengono riproposti il giovedì grasso in concomitanza con l’apertura ufficiale del Carnevale Muggesano con una nuova coreografia in cuile donne e gli uomini danzano con il capo ornato da verdi ghirlande, reggendo in mano un arco d’oro di fronde e di arance. Un’altra interessante tradizione è quella di “andar a ovi”, antichissima e ancor oggi proposta e cui aderiscono adulti e bambini.

La principale caratteristica dell’odierno Carnevale Muggesano è la totale assenza di maschere facciali: scopo dei festeggiamenti è il mostrarsi e il farsi riconoscere dal pubblico, cosa che allontana il Carnevale Muggesano da quello Veneziano. A ciò si aggiunge il ruolo di rilievo assunto dalle Compagnie, ognuna delle quali sceglie un tema originale da sviluppare attraverso la creazione di costumi e scenografie, dando vita così a singolari rappresentazioni di “teatro di strada”.

In conseguenza alle attività delle Compagnie, il momento più atteso del Carnevale è sicuramente la sfilata dei carri allegorici; ogni carro è il risultato di un lungo lavoro di allestimento, che impegna gran parte del tempo libero dei componenti delle rispettive Compagnie. Delle tante, che si sono succedute nel tempo, oggi se ne contano otto: Bellezze Naturali, Bulli e Pupe, Bora, Brivido, Lampo, Mandrioi, Ongia, Trottola. Queste Compagnie si sfidano ogni anno nella sfilata alla fine della quale viene selezionata la Compagnia vincitrice.

Il Carnevale è legato alla Quaresima che ne detta il periodo, il Martedi Grasso infatti è l’ultimo giorno prima dell’inizio della stessa e di conseguenza avviene 40 giorni prima della pasqua. Questo è il cosiddetto carnevale d’inverno, mentre da alcuni anni a Muggia si organizza anche un carnevale estivo che ripropone i festeggiamenti in un’atmosfera calda dei mesi di luglio o agosto.

Se siete curiosi di partecipare alle prossime attività del carnevale, potete visitare la pagina ufficiale delle compagnie: www.carnevaldemuja.com